Mario Paredes, Somos Community Care, Papa Francisco

Prendersi cura di chi ci cura – Nasce la campagna mondiale “Thank you, doctor!”

Discorso del dottor Mario Paredes, direttore generale di SOMOS Community Care, nella conferenza stampa di presentazione della campagna globale “Thank you, doctor!”, il 16 novembre nella Città del Vaticano.

Senza i medici che ci assistono e ci curano, oggi non saremmo qui. Senza i medici di famiglia, tante persone nel mondo non potrebbero sopravvivere. Lo scopo della campagna che presentiamo oggi è proprio quello di ringraziare il medico di base per il suo ruolo, la sua esistenza, la sua missione e il suo valore.

Questa campagna, “Thank you, doctor!”, intende valorizzare il ruolo umanizzante svolto nel sistema sanitario e nella società dal medico di base, noto anche come medico di famiglia in altre parti del mondo.

Il loro carico di lavoro è enorme. Nella maggior parte dei Paesi, i medici di famiglia devono occuparsi di un numero spropositato di pazienti, mettendo a rischio la qualità del rapporto medico-paziente. Inoltre, i sistemi sanitari spesso non riconoscono adeguatamente il loro contributo alla società, imponendo loro stipendi indecorosi in cambio di orari di lavoro interminabili.

La campagna “Grazie, dottore!”, un’iniziativa dell’associazione medica no-profit SOMOS Community Care di New York, è stata lanciata con il sostegno di istituzioni, associazioni e organizzazioni come la Pontificia Accademia per la Vita, associazioni di medici d’Italia, medici cattolici, ospedali, scuole di medicina, associazioni di pazienti e organizzazioni interreligiose.

Il ruolo del medico di base nel sistema sanitario e nella società è essenziale per 4 motivi:

  • Punto di accesso al sistema sanitario: il medico di base è spesso la prima persona a cui i pazienti si rivolgono quando hanno problemi di salute. Funge da punto di accesso al sistema sanitario e orienta i pazienti, guidandoli attraverso la rete di specialità e servizi medici.
  • Assistenza completa e continua: i medici di famiglia sono formati per trattare un’ampia gamma di problemi di salute, il che consente loro di occuparsi di pazienti di tutte le età e condizioni, dai problemi acuti alle malattie croniche. Spesso instaurano rapporti a lungo termine con i pazienti, conoscendo a fondo la loro storia clinica e il loro contesto di vita. Questo rapporto di fiducia facilita un’assistenza più personalizzata ed efficace.
  • Prevenzione ed educazione: I medici di base hanno un ruolo fondamentale nella promozione della salute e nella prevenzione delle malattie. Attraverso controlli regolari, test di screening e consigli su stili di vita sani, aiutano a prevenire i problemi di salute o a individuarli nelle fasi iniziali, quando sono più curabili.
  • Efficienza e riduzione dei costi: Gestendo un’ampia gamma di problemi di salute, il medico di base può ridurre la necessità di costose visite a specialisti o di esami non necessari. Inoltre, concentrandosi sulla prevenzione e sulla diagnosi precoce, può contribuire a evitare complicazioni che richiedono trattamenti più intensivi e costosi in futuro.

Come ci ha saggiamente ricordato monsignor Paglia, Gesù è un punto di riferimento nella guarigione dell’essere umano, e oggi il medico di base è una figura centrale nell’assistenza medica e nell’umanizzazione di ogni società.

Questa campagna globale cerca di mettere in evidenza il ruolo del medico per apprezzare e valorizzare il suo impatto benefico sulla società nel suo complesso.